La sottile linea rosa è ciò che separa una giovane dall’adolescenza all’età adulta quando questa scopre di essere incinta. Quella sottile linea rosa è davanti agli occhi di Perla, la protagonista del libro di Annalisa Strada.
Edito da Giunti Editore è il racconto della scoperta di una gravidanza da parte di una ragazza di 16 anni.

Perla si trova in vacanza con l’amica Allegra ed è lì che scopre di aspettare un bambino dopo essere stata in farmacia e aver comprato, in mezzo a tanti altri prodotti, un test di gravidanza. Il primo adulto che affronta è la mamma di Allegra, che nonostante la sua mentalità aperta consiglia alla ragazza di prendere il treno, tornare a casa e raccontare tutto ai suoi . Il rientro in una casa in cui i genitori hanno litigato per l’ennesima volta non aiuta certo Perla a confidarsi, aspetterà giorni per farlo, dopo la visita al consultorio, dopo averlo detto allo zio preferito e dopo averlo raccontato al futuro papà.

Perla è una sportiva, sa cosa significa affrontare le difficoltà. Ma un bambino a 16 anni?
Il lettore è completamente dentro il vortice di pensieri della protagonista su cosa fare e come affrontare il primo ostacolo più grande: raccontare tutto ai genitori. Il libro di Annalisa Strada affronta con leggerezza, un problema grandissimo per una giovane ragazza. L’errore più grande di Perla? La fretta e lei non smette mai di ripeterlo. La fretta di non apparire più una “sfigata”, la fretta di abbandonarsi completamente non appena il ragazzo dei suoi sogni, seppur fidanzato con un’altra, le fa gli occhi dolci. La stessa Annalisa Strada all’inizio del libro scrive: “Questo libro è per tutti quelli che inciampano per la troppa fretta”.

Gli uomini, tranne uno, non ne escono bene da questa storia. Lo zio di Perla è l’unico che riesce ad affrontare  in maniera pacata il discorso, perché lui è figlio di una mamma adolescente che se non lo avesse messo al mondo non sarebbe lì.
Le donne invece sono fondamentali, dapprima Allegra e infine le donne della famiglia di Perla, dalla mamma alla nonna, unite: “Qualsiasi sia la tua scelta, ti aiuterò, Qualsiasi siano i tuoi dubbi, cercherò una risposta e, se non la troverò, la cercheremo insieme” le dice la mamma.
Un libro che gli adolescenti devono leggere perché l’autrice è a loro che parla e lo fa con il loro stesso linguaggio attraverso i pensieri di Perla, dimostrando che no, non si è certo dimenticata di cosa vuol dire essere giovane.
Un libro che va letto dai giovani perché spesso hanno fretta di inciampare, ma non lo sanno. Un libro che va letto dagli adulti per capire un po’ di più il mondo dei giovani, anche di quelli che hanno fretta.