In una famiglia dell’Oklahoma scompare il capofamiglia (Sam Shepard) e sua moglie (Meryl Streep) preoccupata per l’accaduto avverte i familiari.

Questo e’ l’inizio de “I segreti di Osage County” tratto dalla commedia premio Pulitzer di Tracy Letts (che ha sceneggiato anche il film).
La riunione di famiglia diviene una polveriera in cui le tensioni addormentate negli anni e i problemi di ciascuno vengono fuori nel modo peggiore.

Sono talmente complesse le personalità tracciate dalla penna dello scrittore da spiazzare lo spettatore in molte occasioni. L’istituzione familiare ne esce fuori a pezzi (mi viene in mente il bellissimo “Parenti serpenti” di Monicelli); l’umanità dei vari personaggi è talmente vera (anche grazie alla bravura degli interpreti) che non sembra di essere al cinema. Julia Roberts non è mai stata così brava. Ogni suo sguardo, ogni suo gesto ed ogni sua espressione andrebbero mostrate agli studenti di recitazione di tutto il mondo. Lo stesso vale per Meryl Streep, anche se per lei è la norma..

Saggio di cinema ad altissimo livello. E pensare che in sala dopo mezz’ora alcuni spettatori se ne sono andati.
La mia domanda è: cosa pensavano di andare a vedere? I Teletubbies o i Muppets? Mi rendo conto che il gusto per le opere d’arte è soggettivo però se vai al museo del Louvre non puoi pensare di vedere i disegni dell’uomo ragno.

Vorrei ricordare un attore che non c’è più: Philip Seymour Hoffman e nel farlo vi consiglio di vedere questi film da lui interpretati: “Onora il padre e la madre”, “Jack goes boating”, “Il dubbio”,”Truman capote- a sangue freddo” (per cui ha vinto l’Oscar come miglior attore protagonista) e “I love radio rock”. E se potete anche gli altri.

Giudizio complessivo: 9