“Mustang” affronta il tema della penosa ed incredibile condizione delle donne turche, in particolar modo nei piccoli centri.
La regista Deniz Gamze Erguven (occhio al suo talento) racconta la storia di cinque sorelle che cercano di ribellarsi in tutti i modi ad una società maschilista in cui l’essere umano femminile è visto come un oggetto a disposizione degli uomini.
Lale, la più piccola delle cinque e anche la più ribelle, prova a convincere le sorelle a non accettare il proprio destino senza lottare ed in qualche caso sembrerebbe riuscire nell’impresa ma poi…. Poi la realtà torna a galla e la vita diventa per loro sempre più ingiusta e brutale.
Opera d’impegno civile, come si diceva una volta, che ha l’ambizione di far conoscere al mondo un problema serio e probabilmente sottovalutato (volutamente?) dallo stesso governo turco e cosa ancora più grave da molte donne turche (spesso complici di questo sistema o perché incapaci di reagire o perché pensano di non meritare altro).
Magistralmente interpretato dalle cinque protagoniste ( formidabile Gunes Sensoy, Lale nel film).

Tra i candidati all’Oscar come miglior film straniero.

Giudizio complessivo: 8.5