Ultimamente ho visto quasi tutti i film tratti da fumetti e devo dire che tranne qualche eccezione sono piuttosto divertenti e pieni di ironia. Thor, rispetto agli altri film della Marvel, ha due particolarità: il fatto che alla regia ci sia Kenneth Branagh (attore e regista shakespeariano) e la trama fortemente influenzata dai temi più cari al drammaturgo di “Romeo e Giulietta”. Fondamentale nel film è il rapporto tra Odino (un bravissimo Anthony Hopkins) e i due figli.

La complessità nel rapporto tra loro tre rispecchia quella esistente tra molti personaggi di Shakespeare. Non c’e’ molta azione ma questo secondo me non è necessariamente un difetto: meglio poca azione ben fatta che tanta costruita senza logica. Gli attori (Tom Hiddleston/Loki in testa) sono piuttosto bravi; l’unico interprete non all’altezza degli altri, seppur perfetto dal punto di vista fisico per fare Thor, è Chris Hemsworth.

Da lodare lo scenografo che ha ricreato in maniera piuttosto credibile e con gusto personale la patria dei protagonisti. Immagino che, se otterrà il successo atteso,  al film seguirà presto un secondo episodio.

Guarda il trailer del film