“Spazzatura Kilometrica” sembrerebbe essere il titolo di una notizia che parla di rifiuti ammassati lungo le strade o che inquinano le spiagge. Un problema che ancora oggi è difficile da risolvere, soprattutto a causa dell’inciviltà di molte persone.

In realtà “Spazzatura Kilometrica” è una vera e propria gara, in cui vince chi raccoglie più rifiuti, pulendo dall’ambiente circostante. L’idea di una competizione per sensibilizzare i cittadini al rispetto della natura, nasce circa sette anni fa.

La storia inizia in un paesino in provincia di Varese dove il noto inviato di Striscia la notizia, Max Laudadio si trasferisce con la sua famiglia. Purtroppo il posto è pieno di spazzatura che devasta l’intera area naturale. Così nasce l’idea di creare un’associazione per prendersi cura del parco e ripulirlo, ma soprattutto per sensibilizzare la comunità sulla gestione dei rifiuti.

Tra le varie proposte, viene approvata la “Spazzatura Kilometrica”: una gara a squadre dove vince chi raccoglie più rifiuti e li differenzia meglio. Il primo anno ci sono stati 40 partecipanti, per poi passare a 150 il secondo, 300 il terzo e così via.

Quest’anno è partito il primo Campionato Studentesco di Raccolta Differenziata. Una piccola gara che partendo dalla provincia di Varese, potrebbe poi estendersi in tutta l’Italia. Per ora più di 1000 ragazzi provenienti da varie scuole hanno risposto all’appello e parteciperanno sabato 30 marzo al Campionato di Spazzatura Kilometrica.

L’obiettivo è ripulire 50 kmq di verde e mandare un messaggio forte: difendiamo il nostro pianeta scendendo in piazza a manifestare e ripuliamolo dai rifiuti per dare il buon esempio.