Riceviamo e pubblichiamo dall’istituto Bearzi di Udine.

 

Patrizia Panico è stata una delle calciatrici più forti della storia del nostro calcio femminile: ha segnato oltre 650 gol nella sua carriera in meno di 600 presenze. Ora è diventata tecnico dell’under 16 maschile e ha avuto occasione di guidare la squadra azzurra dalla panchina. Il passaggio del calcio degli uomini non era scontato, infatti rimane qualche preclusione al gentil sesso.
Patrizia dice sorridendo: “I ragazzi mi chiamano mister”. Per lei non è un problema se i ragazzi la chiamano mister, basta che ci sia rispetto reciproco e per farsi ascoltare non sia necessario alzare la voce. “A volte chi non urla per farsi ascoltare ha più sicurezza e più carisma” dice l’allenatrice.

L’esordio della panchina degli azzurri dell’Under 16 è stato agrodolce, in un doppio test con i pari età della Germania sconfitti 4-1 nella prima gara, quest’ultimi si sono rifatti vincendo per 3-2. Patrizia ha sostituito l’allenatore in carica Daniele Zoratto assente per allenare l’under 19.

Presto Patrizia potrebbe diventare a tutti gli effetti una vera mister e guidare una squadra di uomini in pianta stabile. Non importa se è una donna, i ragazzi in realtà non stanno a guardare il genere ma le competenze di un allenatore.
Patrizia Panico è la prima donna italiana a guidare una nazionale maschile di calcio. Gli italiani saranno pronti a vedere una quota rosa anche su una panchina di serie A?

MARTA SALVADOR