Maggio è alle porte e come ogni anno sta per bussare, puntuale, Il Salone internazionale del Libro di Torino. La manifestazione giunta alla sua XXVII si terrà come sempre a Torino Lingotto Fiere da giovedì 8 a lunedì 12 maggio.
Tema di quest’anno è il “Bene” in tutte le sue sfaccettature. Paese ospite d’onore è la Santa Sede, presente nel Padiglione 3 con uno spazio espositivo che promette un bel panorama riproducendo il selciato di Piazza San Pietro e la cupola della Basilica.
Ma andiamo subito al dunque, ovvero al programma che interessa soprattutto i più giovani.

TORINO FIERA copiaCompie otto anni il Bookstock Village, la grande area dedicata ai bambini e ai giovani fino a 20 anni, dove molto spesso si avvistano esemplari di adulti che non sono di certo lì per accompagnare i più piccolini. In questa edizione l’attenzione si focalizza sull’Europa, sull’etica spiegata ai ragazzi, sulle opportunità del clouding e (forse nessuno se lo aspettava): i fumetti e le graphic novel.

Il tutto sarà inserito in una splendida cornice, l’allestimento scenografico, curato dal Dipartimento educazione del Castello di Rivoli, sarà ispirata a Monet. Andiamo in ordine di “anzianità”, per gli adolescenti, Andrea Bajani presenta L’Europa a 16 anni: per tre mesi, tredici studenti di Torino e dodici dell’Einstein Gymnasium di Berlino hanno lavorato all’individuazione di dieci parole per raccontare l’Europa, il risultato è tutto da scoprire e parla di migrazione, nomadismo, attrazioni, ma anche di ostacoli da superare.

Spazio ai più piccoli. Lo sappiamo, se non ci fossero i cattivi come faremmo ad accorgerci dell’esistenza dei buoni? Con Bene Male Mah… Storie del giusto e dell’ingiusto una serie di appuntamenti in cui le diverse categorie contrastanti si incontrano sfumando nel mah. Il programma è curato dall’esperto di letteratura per ragazzi Eros Miari e tra gli ospiti, imperdibile l’incontro con John Boyne, lo scrittore irlandese autore de Il bambino col pigiama a righe.
Musica e parole con Francesco De Gregori ma anche Piero Pelù e Francesco Mandelli.

Non poteva di certo mancare un omaggio a due grandi maestri come Mario Lodi e Roberto Denti  all’interno del panel Grandi Maestri.
Tornano i laboratori, otto per la precisione che propongono attività per tutti, bambini e adulti. Sul fronte dell’editoria digitale per ragazzi torna il DigiLab, il laboratorio che permette al pubblico di scoprire e sperimentare le novità dell’editoria non cartacea. In più il laboratorio di scrittura curato dalla Scuola Holden; il laboratorio d’Arte che ospiterà le attività del Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli; il laboratorio Autori; quello dedicato alla Scienza dove si esploreranno gli ambienti della terra e dello spazio e ancora il MultiLab e OpLab curato da Area Onlus.
Piccoli scrittori crescono con Il BookBlog, il giornale online realizzato dai giovani, che festeggia i cinque anni di vita con una nuova veste grafica. Una redazione giornalistica di studenti fra i 12 e i 18 anni in collaborazione con La Stampa racconta il Salone e da quest’anno il Salone Off.

Noi vi abbiamo avvertito per tempo, ora non resta che prenotare un bel viaggetto a Torino. Con Venere avete solo l’imbarazzo della scelta. Non lasciatevi scappare l’occasione e fidatevi di chi al Salone del Libro c’è stato, ne vale la pena!