Il primo re è il titolo della nuova pellicola cinematografica del regista Matteo Rovere. Un film che sembra un viaggio indietro nel tempo, quando ancora Roma non era altro che un piccolo villaggio con pochi abitanti. Da lì, due fratelli avranno il compito di fondare la più imponente delle città, ma solo uno di loro potrà essere il sovrano.

Il primo re debutta al cinema a partire dal 31 gennaio e promette di sorprendere tutti gli spettatori in sala. Basti pensare che i lavori per la realizzazione sono durati per più di un anno. Inoltre, gli attori hanno dovuto esercitarsi duramente con la lotta corpo a corpo, per simulare i combattimenti con le altre tribù dei villaggi vicini.

La maggior parte delle scene sono state girate all’interno dei boschi del Lazio, per garantire un totale stato naturale del set. Ma la caratteristica più sorprendente di questo film, sono i dialoghi in protolatino. Si tratta di una lingua antica da cui discendono tutte le lingue italiche, latino compreso. Un modo per far calare totalmente lo spettatore alla realtà dell’epoca, facendogli quasi indossare i panni degli guerrieri antichi.

Trailer ufficiale del “Il primo re”

Per quanto riguarda il cast del Il primo re, nei panni dei due fratelli troviamo due giovani attori italiani. Remo sarà interpretato da Alessandro Borghi, noto per aver dato il volto a Stefano Cucchi nel film Sulla mia pelle e a Aureliano nella serie Suburra, entrambi prodotti da Netflix. Invece Romolo sarà Alessio Lapice, attore affermato sul piccolo schermo per serie come Gomorra, Don Matteo, Fuoco amico, ecc.

Non resta che andare al cinema e guardare Il primo re. Un modo per comprendere come la nostra storia ha avuto origine, immergendoci totalmente in quel mondo arcaico.