Giunta alla 46^ edizione, la manifestazione Entomodena è un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati di insetti e di natura in generale. Cuore dell’evento rimane la Mostra Scambio, in cui i collezionisti possono scambiarsi insetti di tutte le fogge, alla caccia dell’esemplare raro e introvabile.

Oggi Entomodena ospita anche incontri di informazione e formazione, a cui partecipano importanti esponenti del mondo scientifico che hanno a cuore la diffusione dell’entomologia. I ragazzi e le ragazze che amano gli insetti possono trovare qui tanti laboratori. Quest’anno sono 5, attivi praticamente per tutta la durata della manifestazione, dedicati ai bambini da sette a tredici anni, oltre agli appuntamenti con il teatro-scienza di Marta Mingucci per sabato alle ore 16.00 e domenica alle ore 10.30. I titoli dei laboratori lasciano la presagire la possibilità di intraprendere viaggi affascinanti in mondi (quasi) sconosciuti: Piccole meraviglie, Che schifo un ragno…ma anche lui può essere un principe, La via della seta, Farfalla farfallina, …che amore animale!

Da ultimo in uno spazio aperto, adiacente al Palazzetto dello Sport della Polisportiva, sono previste le prove di lancio tecnico per la pesca con la mosca riservate ai bambini a cura dell’ Ass.ne CPM_FLY Modena. Per info e prenotazioni si può inviare una email a Giulio Galli: giulio.galli1996@gmail.com

Per i più grandi, segnaliamo due importanti tavole rotonde:

  • la prima dedicata all’allevamento di insetti a scopo alimentare, ma non solo. Anche in Italia, infatti, a partire dal 1° gennaio 2018 entrerà in vigore una normativa per cui sarà possibile la vendita e il commercio di insetti destinato all’alimentazione.
  • la seconda dedicata all’apicoltura familiare e a quella naturale, che attraverso apposite arnie di antica memoria, ma riscoperte negli anni settanta, migliorano benessere e salute delle api consentendo una elevata efficienza nel controllo di malattie e parassiti.

Gli esperti che parteciperanno a queste tavole rotonde cercheranno di rispondere alle domande: anche in Italia ci sarà spazio per l’entomofagia? Quali gli alimenti proteici che le farine a base di insetti consentiranno di produrre? E’ possibile ricavare bioplastica dagli insetti? Posso mettere un’arnia in giardino anche se abito in città?