La Giornata della memoria è una ricorrenza internazionale che ogni anno, nel giorno del 27 gennaio, riporta alla memoria le vittime della tragedia dell’Olocausto. La data non è una scelta casuale: il 27 gennaio 1945 le truppe dell’Armata Rossa entrarono per la prima volta all’interno del campo di concentramento di Auschwitz, portando alla luce tutti gli orrori di quegli anni.

Per non dimenticare ciò che è accaduto, tante sono le iniziative che vengono presentate nella Giornata della memoria. Eventi e manifestazioni per raccontare ciò che in quegli anni accadde e mostrare tutto ciò che l’odio, il razzismo e l’intolleranza hanno causato.

In Italia tante sono le iniziative annunciate in occasione di questo giorno. Il 16 gennaio alle ore 20:30, presso dell’auditorium Parco della Musica di Roma, si svolgerà il concerto Libero è il mio canto. Musiche di donne deportate. Si tratta di un evento legato alle musiche composte durante tra gli anni 30 e gli anni 50 dalle donne ebree, provenienti dai ghetti, campi nazisti, gulag russi, ecc. Un modo per ricordare chi non c’è più, attraverso la forza della musica.

Il 27 gennaio si svolgerà a Torino la Corsa per la memoria. Ci saranno due percorsi, uno di circa 10 km per atleti, e una stracittadina di circa 4 km, con partenza da Piazza San Carlo alle ore 11.15. Tra gli ospiti principali, ci sarà Shaul Ladany, podista Campione olimpionico, sopravvissuto alla Shoah e alla strage di atleti israeliani avvenuta alle Olimpiadi di Monaco.

A Benevento, presso il Museo del Sannio, verrà inaugurata il 25 gennaio la mostra 1938-1945: la persecuzione degli ebrei in Italia. Documenti per la storia. Mentre al Palazzo Steri di Palermo, il 28 gennaio, gli studenti che hanno partecipato al concorso I giovani ricordano la Shoah, allestiranno i migliori lavori da loro realizzati.

In occasione della Giornata della memoria, a Milano, il 27 gennaio alle ore 20.00, il conservatorio Giuseppe Verdi, dedicherà la serata a Primo Levi, a cent’anni dalla nascita avvenuta il 31 luglio 1919. Una  lettura di poesie e un concerto di musiche del Conservatorio, in omaggio al celebre autore.

Il 27 gennaio alle ore 14.00 presso la Casina dei Vallati, sede della Fondazione Museo della Shoah di Roma, verrà presentata la mostra La diplomazia italiana di fronte alla persecuzione degli ebrei 1938-1943. L’obiettivo è descrivere per la prima volta l’atteggiamento dei diplomatici italiani di fronte alla tragedia che colpì gli ebrei italiani e europei durante gli anni 1938-1943.

Molti saranno gli eventi presenti a Ferrara. L’11 gennaio, alle 10.30 al Teatro Nuovo, gli studenti potranno incontrare tra la Senatrice a vita Liliana Segre. Il 21 gennaio alle ore 21.00, al Ridotto del Teatro comunale, avrà luogo il concerto A ottant’anni dalle leggi razziali per ricordare vita e musiche di Vittore Veneziani, che a causa delle leggi razziali fasciste, dovette lasciare la città e rifugiarsi in Svizzera.

La Fondazione Museo della Shoah in collaborazione con Rai Cinema ha realizzato il film La razzia. Roma, 16 ottobre 1943. Sarà presentato al cinema Orfeo di Milano (martedì 15 gennaio ore 20.30), al MEIS – Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano di Ferrara e trasmesso da Rai Uno per Speciale Tg1 il 27 gennaio, in occasione del Giorno della Memoria.