Dal 28 al 30 Marzo, Milano si trasforma nella città del consumo critico ospitando la fiera Fa’ la cosa giusta, giunta alla sua undicesima edizione nella consueta location di Fieramilanocity.
Dodici le sezioni tematiche di quest’anno che spazieranno dall’alimentazione biologica alla moda etica, passando per la mobilità elettrica, le nuove tecnologie applicate alla sostenibilità e alla valorizzazione dei cibi e dei prodotti della tradizione popolare. Una fiera che si rivolge tanto agli addetti ai lavori e ai gruppi d’acquisto, quanto al grande pubblico. Fa’ la cosa giusta è una fiera sì, ma anche un luogo d’incontro per i cittadini e per le istituzioni che hanno un’occasione per contribuire a un cambiamento migliore del nostro quotidiano stile di vita.

laboratorio pasta fa la cosa giustaChi ama le tradizioni e la buona cucina non potrà resistere alla Locanda di Fa’ la cosa giusta, dove non si metteranno soltanto le “mani in pasta”, ma si potrà anche appagare il palato con le degustazioni. Ovviamente sia i laboratori, che le mostre, che gli assaggi saranno all’insegna della semplicità presentata però in tante e diverse forme. Protagonisti infatti saranno gli ingredienti della tradizione come riso, patate, cipolle.

Gli amanti del fai da te resteranno incantati dalla possibilità di mettere alla prova le proprie abilità nel mondo della cosmesi, della moda e della cucina. Molto interessante l’area “Green Makers” un luogo d’incontro per designer, inventori e autoproduttori in cui professionisti e semplici appassionati potranno scambiarsi idee e condividere progetti. Mentre all’interno dello “Spazio Makers” saranno presenti realtà ad alto contenuto tecnologico che utilizzano software open source per progetti di autoproduzione e a basso impatto ambientale.

Tantissime iniziative per i più piccini con un’intera sezione a loro dedicata, Pianeta dei Piccoli, perché lo stile di vita sostenibile lo si può apprendere fin dalla tenera età. E allora via con laboratori creativi, come la costruzione di piccole case giocattolo fatte con materiale di recupero. Ancora: trasformare le bottiglie di plastica in piccoli vasi da balcone, in cui imparare a coltivare fiori o piccoli ortaggi. Ma anche creare illustrazioni e inventare animali con materiali “salvati” dal cestino, come carta, cartone, inserti di tappezzeria, carta da regalo, pezzi di stoffa. Non mancano i “giochi culinari”  per imparare ad apprezzare le tanto temute verdure. Sempre presente la falegnameria. Tutti i piccoli tra i 3 e gli 11 anni potranno costruire il proprio gioco di legno. E, udite udite, la possibilità per gli appassionati di videogiochi dai 7 ai 14 anni di imparare a crearne uno tutto loro sotto la guida di esperti informatici. E ancora, letture, laboratori teatrali, la ludoteca. Da non perdere assolutamente Il laboratorio “Gioconda a Milano”, un gioco di ruolo porterà i ragazzi ad elencare e affrontare alcuni problemi ambientali del luogo in cui vivono con l’obiettivo di sensibilizzare i più giovani a questo tipo di tematiche. Per tutta la famiglia, “Il giro del mondo a zero emissioni” un laboratorio che porterà a scoprire come rendere meno inquinante ogni nostra vacanza. In più una grande attenzione alla scuola con attività per stimolare i giovani a riflettere sulle loro abitudini quotidiane.

A quanto pare chi è già a Milano è fortunato, ma per chi non vive nel capoluogo lombardo non è detta l’ultima. Una visita a Fa’ la cosa giusta infatti merita eccome. A questi ragazzi e ai loro genitori suggeriamo di regalarsi una gita in città. Sarà piuttosto facile organizzare il viaggio e prenotare un albergo economico, attraverso un portale di viaggi specializzato, come Venere.