Ada Herberberg è una ragazza norvegese di 23 anni che fin da bambina ha una grande passione: il calcio. Uno sport duro e impegnativo, spesso etichettato come “da uomini”, in quanto nella maggior parte dei campionati esistono esclusivamente squadre maschili. Ma non basta ciò per scoraggiare Ada. Lei continua la sua strada, con un pallone tra i piedi, tanti gol da segnare e trofei da alzare. Fino alla coppa più ambita e attesa, il coronamento del sogno più bello.

Nella serata del 3 dicembre 2018, sono stati assegnati i premi per i migliori calciatori, tra cui il tanto sognato pallone d’oro. Tra le novità di quest’anno, c’è l’assegnazione del premio a Luka Modric. Il centrocampista croato del Real Madrid ha vinto l’edizione maschile del pallone d’oro 2018, interrompendo il dominio della coppia Messi-Ronaldo, che aveva monopolizzato i successi dal 2008 al 2017.

Ma il trionfo più bello è stato per Ada Herberberg in quanto vincitrice del pallone d’oro 2018. Sale sul palco e solleva il premio tanto sognato con la soddisfazione di chi sta celebrando la vittoria, dopo una partita difficile. A soli 23 anni, è stata l’assoluta protagonista della scorsa stagione, nonché la miglior marcatrice della Champions League. Nel suo discorso di ringraziamento, ha voluto invitare tutte le ragazze del mondo a credere in loro stesse e a lottare per i loro sogni.

L’unica pecca della serata è stata la richiesta inopportuna del presentatore, il dj francese Martin Solveing, che ha invitato la calciatrice a ballare il twerking, una danza molto sensuale e provocante. Ada Herberberg non si è scomposta e dopo un secco “no” ha continuato a festeggiare la sua vittoria. Ciò nonostante, il web si è mobilitato contro il presentatore, accusandolo di sessismo. L’uomo ha chiesto scusa e ha spiegato che la sua richiesta doveva essere soltanto uno scherzo innocente.

Il sogno di Ada si è finalmente realizzato e adesso non resta che augurarsi che altre bambine nel mondo seguano il suo percorso, per alzare anche loro un giorno il più ambito dei trofei.